Le Imbarcazioni

Le Imbarcazioni da Diporto

Solcare il mare in un giorno d'estate, sdraiati su di una bella barca, con il vento in viso è il sogno e la passione di molti, eppure spesso e volentieri sono davvero poche le cose che sappiamo di questo splendido mondo, cominciando proprio dalla semplice terminologia.

Nel linguaggio di tutti i giorni, con il termine "imbarcazione" indichiamo tutti quei mezzi impiegati per il trasporto marittimo; in realtà, questa parola si riferisce ad un insieme molto più ristretto di mezzi.

Imbarcazione, infatti, è uno scafo, o unità galleggiante, di dimensioni ridotte, e dunque inferiori a quelle di un vascello o di una nave vera e propria, che viene utilizzata divertimento personale (diporto), per attività legate allo sport o, in ogni caso, senza fini di lucro.

Secondo la legge italiana per la navigazione da diporto, il termine imbarcazione si riferisce ad una barca di lunghezza superiore a 10 metri ed inferiore ai 24m, mentre il peso lordo è compreso tra le 3 e le 50 tonnellate.

Nel caso in cui venga superato il limite di peso, non si parla più di imbarcazione, bensì di nave; mentre, se la lunghezza è inferiore ai 10metri, allora stiamo parlando di un natante.

Se volessimo poi dividere la varie unità galleggiati secondo l'impiego nella navigazione da diporto, queste verrebbero così denominate:

  • unità da diporto: comprende qualunque tipo di costruzione, con qualunque mezzo di propulsione, utilizzata per la navigazione da diporto
  • nave da diporto: barca per la navigazione da diporto di lunghezza superiore ai 24 metri e peso superiore alle 50tonnellate.
  • Imbarcazione da Diporto: unità con lunghezza dello scafo compresa tra i 10 ed i 24 metri
  • natante da diporto: ogni unità da diporto a remi che presenti uno scafo di lunghezza pari o inferiore ai 10 metri.